Le Dolomiti Bellunesi

Le Dolomiti Bellunesi sono una zona che comprende i maggiori gruppi dolomitici, come le Tre Cime di Lavaredo, il Civetta, la Moiazza, la Marmolada, le Tofane, il Sorapis, e la Croda Rossa d’Ampezzo, inseriti nel Patrimonio Naturale dell’Umanità.

Le Dolomiti Bellunesi, che corrispondono alla provincia di Belluno, terza in Italia per qualità della vita nella classifica del  “Sole 24 Ore”, sono costituite da diverse zone: Cortina d’Ampezzo, Arabba Marmolada, Cadore-Auronzo-Misurina, Alto Cadore-Valle del Boite, il Civetta, la conca Agordina, la valle del Biois, il Feltrino, la val Belluna e la valle del Biois.

I maggiori centri abitati delle Dolomiti Bellunesi sono Belluno, nota come “la piccola Venezia delle montagne” e capoluogo di provincia; Cortina d’Ampezzo, rinomata località sciistica che non ha bisogno di altre presentazioni; Feltre, un’incantevole città fortificata, il cui centro storico è abbarbicato su un colle; Arabba, un’apprezzata meta turistica inserita nel comprensorio Dolomiti Superski e Agordo, capoluogo della conca Agordina e sede di Luxottica, leader nell’industria dell’occhiale.

Il territorio delle Dolomiti Bellunesi è preservato dalla presenza di due parchi protetti, il parco nazionale delle Dolomiti Bellunesi, che si caratterizza per un’eccezionale varietà di ambienti, e il parco naturale delle Dolomiti d’Ampezzo, gestito dalla Comunanza delle Regole d’Ampezzo. Tra le bellezze naturali di questa terra troverete numerosi laghi, come quello di Misurina; i Serrai di Sottoguda, una gola nel comune di Rocca Pietore e la riserva naturale di Somadida, la foresta più grande del Cadore.

Le Dolomiti Bellunesi sono state abitate fin dall’antichità e questo fattore le rende una terra ricca di testimonianze storico-archeologiche, come il sito di Paluc a Ospitale di Cadore, un villaggio metallurgico altomedievale; il ritrovamento dell’uomo di Mondeval e dell’ursus spaeleus, rispettivamente a Selva di Cadore e a Lamon; e a Calalzo di Cadore potrete recarvi nell’area naturalistica, termale e archeologica di Lagole, nota come “la fonte della civiltà del Cadore”.

Inoltre nelle Dolomiti Bellunesi potrete visitare chiese di grande interesse artistico, come la basilica di San Martino a Belluno o la chiesa arcidiaconale di Agordo; castelli, come quello di Andraz a Pieve di Livinallongo e quelli di Botestagno e de Zanna a Cortina d’Ampezzo; vi attendono anche numerosi musei, come il museo tizianesco a Pieve di Cadore, paese natale di Tiziano Vecellio. La maggior parte delle altre esposizioni museali sono dedicate alla grande guerra o si occupano dell’aspetto etnografico.

Sciare nelle Dolomiti Bellunesi significa trovare un’ampia scelta di comprensori sciistici, paesaggi incantevoli, come la Marmolada, e località che hanno segnato la storia del turismo, come Cortina d’Ampezzo. Ma le Dolomiti Bellunesi non sono solo questo: esistono anche ski area che rifuggono il turismo di massa, come quella nel Feltrino sul monte Avena.

In estate, le Dolomiti Bellunesi offrono lo spunto per intraprendere numerose attività all’aria aperta, come passeggiate, escursioni in alta montagna, gite in bicicletta o a cavallo, partite a tennis e molto altro, immersi in un paesaggio naturale incantevole e protetto.

Le vostre vacanze nelle Dolomiti Bellunesi, sia invernali sia estive, sono all’insegna della varietà, del divertimento e della qualità: in questa zona circondata da catene montuose di una tale bellezza che hanno ispirato miti e leggende, ogni stagione ha il suo fascino e rende indimenticabile il vostro soggiorno.

Cerca hotel

Check-in

Check-out

RICHIESTA HOTEL
NR°  
NR°  

News
  • A Natale le Dolomiti diventano ancora più magiche. Scoprite i mercatini di Natale che ravvivano paesini e città. Qualche esempio? Il mercatino sul Lago di Carezza, il "Magnifico" di Cavalese, quello austriaco di Lienz… non c'è che l'imbarazzo della scelta!
  • Una serata suggestiva che sposa l'astronomia e la buona cucina. Visitate il nuovo osservatorio e planetario al Col Drusciè e concedetevi una serata gourmet in alta quota – dove le stelle sono ancora più vicine